Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 6

Natura morta con fiori di Niccolò Codino 1965

Prezzo di listino €595,95 EUR
Prezzo di listino Prezzo di vendita €595,95 EUR
Vendita Esaurito
Imposte incluse.

Una maestosa natura morta di fiori della metà del secolo del noto artista italiano

Codino Niccolò italiano 1899-1983

Incorniciato in cornice originale e smaltato. (questo può essere rimosso per la spedizione, se necessario)

Firmato Codino 65' in basso a sinistra


65 x 55 cm

Nacque il 23 gennaio 1899 a La Spezia da genitori di origine genovese. Autodidatta in pittura, da ragazzo entrò in contatto con uno scultore ligure allievo di Leonardo Bistolfi, tale Del Sarto, con il quale intorno al 1917 iniziò a lavorare l'argilla a Torino. Nello stesso periodo conseguì il diploma di maestro e allo scoppio della prima guerra mondiale fu arruolato come soldato d'artiglieria a Casalmonferrato, per poi passare a combattere sul Piave. Nel dopoguerra vinse un concorso riservato agli ex combattenti e nell'ottobre 1919 si trasferì a Lucca, dove insegnò alle scuole elementari dei Servi, di S. Marco e alla "Franchini" di Borgo Giannotti. Svolse una notevole attività sia in campo pittorico che scultoreo, almeno fino al 1942, anno in cui decise di dedicarsi esclusivamente alla pittura, praticando varie tecniche, tra cui l'affresco. Nel 1921 tiene la sua prima mostra di scultura a Lucca, insieme al pittore Raffaello Isola. Poco dopo sposa Elda Bernabò della Spezia, dalla quale ha due figli, Fausto e Giovanna. Titolare di uno studio situato al Baluardo di S. Maria, nel periodo estivo soggiorna spesso a Brandeglio, vicino a Bagni di Lucca, per poi spostare il suo studio al Baluardo S. Martino, al n. 13. Agli inizi degli anni Trenta ricoprì l'incarico di Fiduciario dell'Unione Artisti Lucchesi (documentato nel 1931, BSL, Artisti Lucchesi, man. Guido Brancoli, 1929)